Archivi tag: energia

Fisica – Legge di Conservazione Massa ed Energia

HOME

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”.

Ricorderete sicuramente questo principio postulato da un certa scuola di pensiero in Grecia al tempo dei primi filosofi, il cui esponente più noto era Empedocle.

Esso si riferiva alla totalità dell’essere, in tempi in cui non c’era separazione tra “anima e materia”. Di conseguenza tutto ciò che andava empiricamente contro questa regola, ad esempio la morte, era vista come “doxa”, cioè apparenza o illusione.*

Successivamente però, prevalse la visione empirista che sublimava la doxa da illusione ad unica realtà in quanto direttamente manifesta, così implicitamente negando o nel migliore dei casi classificandolo come dato da dimostrare, l’esistenza del metafisico. Nacque così a livello concettuale la separazione tra “fede e scienza”**

 

Il concetto così “spurgato” dell’argomento spirituale, venne studiato più volte e passato agli onori della storia della fisica in forma chiara ed esplicativa con Antoine-Laurent de Lavoisier nel suo famoso:

PRINCIPIO DI CONSERVAZIONE DELLA MASSA (CHIMICA) – in una reazione chimica nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma

La stessa va corretta alla luce della teoria della relatività laddove E=MC^2

all’interno di un sistema chiuso, in una reazione chimica la massa dei reagenti è esattamente uguale alla massa dei prodotti, anche se appare in diverse forme

diventando:

all’interno di un sistema chiuso, a seguito di ogni tipo di trasformazione, l’energia totale sarà sempre la stessa anche se apparirà in diverse forme

 

Ora veniamo a noi.

Proviamo a riformulare l’ultimo postulato sostituendo ed integrando man mano

all’interno dell’universo ( per definizione un sistema chiuso ), a seguito di ogni tipo di trasformazione-ad esempio del ciclo di nascita/morte-  , tutto quello che si è trasformato – ad esempio la coscienza dell’individuo – continuerà ad esistere anche se in diversa forma

Come vedete, al contrario di quanto il senso comune pensi, la scienza, anche se maniera implicita, ha continuato la ricerca metafisica. La legge di conservazione dell’energia totale, fornisce un presupposto scientifico per l’immortalità dell’anima. Esperimenti come quelli di Masaru Emoto con la” memoria dell’acqua”, dimostrano in maniera inequivocabile che il pensiero umano sia energia***.

Come si vede poi con la fisica quantistica ( ad esempio nel fenomeno del Quantum Entanglement ) lo stesso concetto di tempo e spazio è da rivedere, arrivando a definire la nostra percezione di esse come illusorie.

E’ pertanto tempo che si torni alle origini, riunendo i concetti di fede e scienza ed indagando il mondo nell’ottica del concetto originale greco, aggiornandolo:

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” che diventerà per analogia essendo il concetto di trasformazione illusorio**** :

NULLA SI CREA, NULLA SI DISTRUGGE, TUTTO E’.

 

Un grazie

Helios84

Vi invito come sempre a leggere le pagine INIZIA DA QUI e FINALITA’ DEL BLOG        Per scrivermi: leggedelluno@gmail.com

 

Approfondimenti:

 

 

*questo principio vine esplicato in maniera chiara per la prima volta da Parmenide

** accostando il termine “fede” a scienza, la battaglia è persa già in partenza in quanto per scienza si intende al contrario qualcosa di inequivocabilmente dimostrabile. I Termini giusti dovrebbero essere metafisica al posto di fede e fisica al posto di scienza, laddove entrambi gli ambiti sarebbero all’interno delle possibilità e necessiterebbero di dimostrazione scientifica. E’ infatti mia tesi ( vedere qui ) la possibilità di DIMOSTRARE la realtà della Metafisica.

*** Masaru Emoto ha scoperto che l’acqua reagisce agli stati emotivi della psiche umana. In un suo esperimento tipo una persona comunica all’acqua, tramite pensiero e parole un concetto, ad esempio rabbia. Successivamente, l’acqua viene fatta congelare osservando quindi la forma geometrica dei cristalli

**** i greci definivano il concetto di trasformazione in relazione al suo essere l “evidenza prima” ed incontestabile. Ora in seguito all’indagine quantistica sappiamo che non è così

 HOME

Fisica – Etere

HOME

Etere, etere luminifero, campo quantico, energia oscura, matrice divina,scintilla divina, prana, reiki, campo sorgente, campo del vuoto, energia del punto zero etc… Tanti nomi quanti gli ambiti e discipline nei quali se ne è parlato ( spesso senza saperne il suo reale significato ).

Io la definisco come l’energia prima che genera ogni cosa tramite un moto vibrazionale.

Da sempre le religioni palano di una qualcosa di divino che è onnipresente e onnipermeante, la scintilla presente in tutte le cose.

Ma vediamo come è stato considerato nella storia della fisica.

Al tempo della fisica meccanicistica, dove tutto il visibile era considerato nell’ottica di interazione tra materia e forze, l’etere veniva visto come medium necessario di collegamento. Successivamente con l’entrata in scena della fisica ondulatoria, esso era diventato il mezzo tramite il quale esse si propagano. Eliminato poi a seguito dell’esperimento di Michaelson-Morley che ad una superficiale lettura sembrava escluderlo e dallo stesso Einstein che però lo recuperò in seguito.Fermiamoci ora e vediamo perchè.

A scuola le sue teorie le abbiamo studiate tutti. Ma pensiamo davvero di averle capite? Partiamo dalla velocità della luce che piega lo spazio/tempo per mantenere sempre la stessa velocità. ….. ….. …… un attimo ….. piega lo spazio/tempo…… ma la velocità della luce non si propagava nel vuoto?????!!!! Tralasciando l’evidente paradosso che qualcosa si propaghi nel nulla, come fa il vuoto a piegarsi*??????!!!!! Come mai mi ricordo che ci insegnavano anche che l’etere non esisteva perché “lo aveva detto pure Einstein”… quando invece lo ha poi recuperato???!!! Mistero! Altra cosa. La famosa formula accettata da tutti E=MC^2, mi sono accorto solo io che sancisce che la materia alla fine è energia=tutto quello che vediamo è energia? Ditemi se non è spirituale una teoria che ipotizza che tutto, io, voi, gli animali, le piante, la terra il sole, le galassie e l’universo siamo tutti fatti della stessa cosa! Ma no noi queste cose le studiamo solo perché poi “se vado all’ università e voglio fare fisica per poi spedire i razzi in orbita o simili almeno ho un’infarinatura generale”! Poi il nostro caro Einstein come mai dice la famosa frase “Dio non gioca a dadi”? Sarà forse che le sue ricerche lo avevano convinto di qualcosa? No certo “Scienza e Religione sono due cose separate, poi quello era un burlone si sa!”………

La fisica post-Einstein pertanto ha da quel momento escluso il concetto di etere. Nonostante questo sempre più ricerche hanno dimostrato che lo spazio non è vuoto. Sono stati osservati infatti in diversi esperimenti emissioni dal vuoto ( o campo ) di fotoni, raggi gamma, nonché interazioni energetiche, come l’effetto Casimir e la forza di legame di VanDerWalls. La spiegazione riconosciuta è che si tratta di interazioni vorticose legate a creazione a annichilazione di particelle. ….. ….. … ma ancora???!!!! Ma come è possibile che il vuoto ( a logica linguistica = totatale assenza di qualsiasi cosa ) generi qualcosa, addirittura delle particelle.Beh una soluzione la fisica ufficiale l’ha trovata. La supposta materia la genera l’antimateria** che è collegata alla materia oscura*** che è collegata all’energia oscura****! Certo ….. però l’etere non esiste!

 

Un grazie

Helios84

Vi invito come sempre vi invito a leggere le pagine INIZIA DA QUI e FINALITA’ DEL BLOG        Per scrivermi: leggedelluno@gmail.com

 

Approfondimenti

 

*il motivo è che lo spaziotempo ha una matrice eterica di natura geometrica, e pertanto può piegarsi. Il discorso verrà ampliato nella trattazione della fisica dei solidi platonici

**tratteremo l’antimateria riguardo al discorso sulla fisica di Dewy Larson che ipotizza l’esistenza di una dimensione parallela di tempo/spazio contrapposta al nostro spazio/tempo

*** la materia oscura è stata supposta per spiegare l’anomala velocità delle stelle più lontane dal centro galattico che non rispettato le leggi gravitazionali di Keplero

****l’energia oscura è stata supposta per spiegare l’anomala velocità di allontanamento delle galassie esterne nel moto di espansione dell’universo

HOME