Archivi tag: Legge dell’ Uno

Fisica – Quantum Entanglement

HOME

Il quantum entanglement si riferisce allo stato due particelle “gemelle”, le cui proprietà, quando misurate, risultano essere una corrispondente all’altra per qualunque parametro, come spin, polarità e sopratutto distanza.

Esso è stato dimostrato più volte sperimentalmente con particelle come fotoni ed elettroni, oltre che grosse molecole come le buckyballs di Buckminster Fuller ed addirittura piccoli diamanti.

La prima volta che se ne parla è come conseguenza alle equazioni di Schroedinger relative allo stato quantico di una dato sistema fisico, che potevano essere risolte matematicamente in diversi modi. La spiegazione dell’epoca venne data dal famoso principio di indeterminzione di Heisenberg che definisce l’impossibilità di conoscere contemporaneamente gruppi di proprietà di un dato sistema fisico dette complementari. Questa è una proprietà comune di tutti i sistemi ad onda, e non va confusa con il famoso “effetto dell’osservatore”*.

Per spiegare i possibili scenari derivanti dalle proprietà del quantum entanglement, prendiamo quanto scritto nel documento EPR firmato a tre mani anche da Einstein ( ad invero nel tentativo di screditare la fisica quantistica che sembrava violare la sua teoria della relatività laddove il problema della distanza postulava la possibilità di superare la velocità della luce ).
1 – nonostante fossero fisicamente separate, le particelle si comportavano come se fossero unite mostrando un qualche tipo di interazione ignota
2 – l’informazione riguardo al risultato di ogni possibile scenario fosse già presente ( aggiungo io in uno stato “atemporale”) nelle due particelle

Bene e qui veniamo a noi!

Premetto intanto che, posta dalla scienza ufficiale la teoria del BIG BANG, essa stessa implicitamente dichiara che tutta la materia è in qualche modo in stato di entaglement essendo stata generata nello stesso istante.
Da 1 e 2 otteniamo due tra le più importanti informazioni riguardo il funzionamento della realtà.
1 – le particelle si comportavano come se fossero unite perchè esse sono effettivamente unite. Come abbiamo visto parlando dell‘etere in riferimento all’equazione di Einstein E=MC^2, tutta la massa è energia. Il quantum entanglement aggiunge che nel mondo della fisica quantistica** vige la non località, con la conseguenza che la separazione fisica consiste in una illusione. Tutto è uno!
2 – al di là dell’illusione che percepiamo come realtà, vige l’atemporalità, dove coesistono contemporaneamente passato,presente,futuro in tutte le sue possibili e infinite forme

La fisica sta cercando di tradurre in utilità pratiche queste possibilità. Citando velocemente: viaggio nel tempo, viaggio nello spazio a velocità overluce, teletrasporto etc…
Ma abbiamo invece idea delle conseguenze spirituali di questo esperimento???!!!

Beh intanto penso alla spinosa questione dei contatti telepatici con entità extraterrestri, angeli,demoni, Dio, il nostro Higher Self etc… questa possibilità E’ UN DATO DI FATTO, per quanto difficile da digerire ci possa sembrare all’inizio. L’argomento del channeling lo tratterò in maniera esaustiva in una pagina dedicata.

Continuando, i risultati ci portano a pensare che se nel suo “vero” stato l’energia è unica, infinita ed imperitura***, indissoluta, atemporale e non locale allora cosa siamo noi, la materia e la realtà che ho definito illusoria? Siamo diverse espressioni dello stesso stato, che potremmo definire DIO, rinchiusi per AMORE in un sogno illusorio fatto di tempo, spazio, esperienza e individualità.
Appunto la LEGGE DELL’UNO ( guardate questa pagina )
“Tutte le cose, tutta la vita, tutta la creazione, sono parte di un unico pensiero originale” per cui “tu sei ogni cosa, ogni essere, ogni emozione, ogni evento, ogni situazione. Tu sei unità. Tu sei infinito. Tu sei Amore/Luce, Luce/Amore. Tu sei ( esisti ). Questa è la Legge dell’Uno.”

 

Un grazie

Helios84

Vi invito come sempre vi invito a leggere le pagine INIZIA DA QUI e FINALITA’ DEL BLOG        Per scrivermi: leggedelluno@gmail.com

 

Approfondimenti:

 

* l’effetto dell’osservatore in fisica quantistica si riferisce all’alterazione causata ad un dato fenomeno dall’azione dell’osservatore ( che non deve essere per forza una persona, ma anche una particella etc… ) Ad esempio, se in una dato esperimento si cerca un fotone come particella, esso apparirà tale. Al contrario se si cercherà di vederlo come un’onda, esso apparirà avere solo quelle caratteristiche.

**capiamolo bene la fisica quantistica non è una concetto astratto, ma spiega come funziona la realtà indagando la materia sino alle su più piccole parti. La più piccola parte non è stata ancora trovata, forse perchè non esiste e si può dividere all’infinito. Segnatevi mentalmente che più si cercano particelle piccole, più energia serve per dividerle  e più diminuisce la loro massa

*** il concetto di finito e perituro è definibile solo all’interno di un contesto di spazio/tempo

HOME